PERUGIA - "L'ordinanza del capo della Protezione civile emessa nel 2016 consente, con le procedure in deroga, sia di realizzare le 'casette' sia le strutture che servono i servizi pubblici come scuole e servizi sanitari. L'art. 6 dice che è possibile fare la pianificazione degli interventi per finalità sociali e per la continuità delle attività economiche e produttive, quindi prevede anche strutture temporanee con finalità sociali": così la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini è tornata sull'indagine che ha portato al sequestro del centro polifunzionale ad Ancarano di Norcia. Lo ha fatto intervistata da Radio24 nella trasmissione Effetto giorno.

La presidente ha ricordato che le strutture temporanee per attività sociali sono state già realizzate nel territorio di Norcia, come "ad esempio quelle per garantire la continuità del culto". "Questo - ha aggiunto - è ovvio perché, se metto le casette, devo mettere anche la vita della comunità, dove sono i bambini e gli anziani".

Condividi