bistoni-rettore.jpg
di Nicola Bossi Merita sempre rispetto chi si mette sul sentiero della caccia all'evasione fiscale, ma nel caso dell'Università degli Studi di Perugia la questione puzza non una ma due volte. Perché: per l'ennesima volta si cerca l'evasione dopo che ci si accorge che il bilancio piange. Mancano all'appello 2milioni di euro. Il Rettore lo ha spiegato in sede di assemblea sul bilancio. Mancano anche perchè ci sarebbe stato un calo delle iscrizioni: la Sinistra Universitaria-Udu parla di un migliaio di iscritti, il Rettore di qualche centinaia in meno ma solo perchè a Perugia ci si laurea adesso sempre più frequentemente e in regola sui tempi. Dicevamo che puzza la lotta universitaria all'evasione perchè intanto va a pescare sempre sulle famiglie - ma sugli sprechi universitari mai - eppoi perchè non c'è uno studio dietro. Si va in mare aperto sperando di trovare tonni. Tommaso Bori, responsabile della comunicazione per la Sinistra Universitaria-Udu, spiega meglio cifre e conti di questa crisi universitaria. "Il rettore vuole aumentare le tasse a tutti sulla base di un assestamento del dato istat: da questo provvedimento dovrebbero arrivare 8mila euro. Poi il restante 1milione 200mila euro dovrebbe arrivare da quelle autocertificazione degli studenti che o sbagliano o ci provano a pagare di meno. Ma in questo caso non c'è certezza del nero. Il rischio allora è che tutto ricada sulle famiglie, qualora questi soldi non vengano pescati tra le pratiche". Il buco c'è, ma di chi è la colpa? Di chi non ha controllato bene i conti? Di chi ha fatto allontanare un migliaio di iscritti perchè non sa offrire un'Ateneo all'altezza della sua tradizione? Di chi a solo sfruttato gli studenti senza dare nulla in cambio? Tante domande e forse ci sarebbero anche le risposte. Ma per il momento è meglio tacere. Ma sui dati no: quanto valgono un migliaio di studenti per la comunità perugina? Tra i diecimilioni-15milioni. Soldi che verranno meno dal prossimo anno. Tommaso Bori spiega che per ricavare i denari c'è bisogno che paghino chi ha di più come reddito: le ultime tre fasce ad esempio. E non i poveri cristi. In caso contrario la Sinistra Universitaria-Udu scendere in piazza, autogestirà spazi nonostante le manifestazioni pompose per i 700 anni dell'Ateno. Condividi