La Sinistra per Perugia ritene, di una gravità assoluta e preoccupante per i cittadini, la notizia di questi giorni che riguarda la grande operazione della Procura di Catanzaro contro la criminalità organizzata che operava in diverse regioni italiane tra cui l’Umbria.

Sono state arrestate 27 persone tutte affiliate a clan mafiosi e criminali.

L’indagine ha messo a nudo un fenomeno corruttivo e criminale che stava inquinando il tessuto produttivo e sociale della comunità e che, sembra, si era proiettato fino ad inquinare le ultime due elezioni comunali di Perugia.

La Sinistra per Perugia si associa ai consiglieri di minoranza che intendono presentare al Consiglio comunale una richiesta per istituire una Commissione Consiliare speciale sulla penetrazione mafiosa e corruttiva nella nostra città.

Vogliamo sperare che sia la polizia che la magistratura adoperino mezzi, uomini e supporti per arrivare a scoprire ed estirpare tutta l’attività pericolosa, illegale e criminale di queste bande, con molta determinazione, come per altre questioni.Ci auguriamo, inoltre, che i giornali locali sostengano pubblicamente, informando continuamente i cittadini, l’azione di bonifica della nostra realtà, dandone il giusto rilievo.

La Sinistra per Perugia, ancora una volta, denuncia all'opinione pubblica l’inerzia dell’amministrazione comunale che in questi sei anni di governo non solo non ha ha risolto i problemi dell’ordine pubblico e della sicurezza, ma si è avuto anche un deterioramento del tessuto sociale e civile della città.

In questa ottica di decadenza morale e di insicurezza generale, giudichiamo gravi le dichiarazioni di un consigliere comunale della destra che ha fatto, del suo essere razzista, un orgoglio personale e pubblico.

La Sinistra per Perugia invita non solo le Istituzioni ma anche i cittadini alla vigilanza democratica per salvare il lavoro onesto, la dignità delle persone e il vivere civile.

Giuseppe Mattioli
La Sinistra per Perugia

Condividi